domenica 26 Maggio 2024 C1PM+0200

L’ISS ha rilasciato 3 tonnellate di rifiuti nello spazio: “si smaltiranno da soli”

La Stazione Spaziale Internazionale (ISS) ha immesso 2,9 tonnellate di spazzatura nell’orbita terrestre. In particolare, tramite un braccio robotico, è stato rilasciato l’accumulo di 48 batterie al nichel-idrogeno sostituite sulla Stazione negli ultimi anni. Si tratta della più grande quantità di spazzatura spaziale mai entrata in orbita. Il materiale – ha chiarito la Nasa – dovrebbe impiegare dai due a quattro anni per rientrare in atmosfera e bruciare. Anche se non si hanno statistiche su quanti residui potrebbero sopravvivere all’impatto e finire quindi sulla Terra.

L’inquinamento di rifiuti nello spazio – space debris – è un problema ormai annoso che richiede la cooperazione delle varie agenzie spaziali. La Inter-Agency Space Debris Coordination Committee, ad esempio, monitora e propone soluzioni per affrontare la questione dei detriti spaziali. Sono migliaia i frammenti grandi più di un centimetro e decine di milioni i resti di satelliti che attualmente orbitano nello spazio. Contribuiscono ad inquinare l’atmosfera terrestre, ma il problema non è solo di natura ambientale. Secondo il fisico Donald J. Kessler si potrebbe verificare uno scenario per cui i detriti intorno alla Terra, entrando in collisione tra loro, generano reazioni a catena che potrebbero provocare un numero esponenziale di collisioni. Questo effetto – che prese il nome di Sindrome di Kessler – potrebbe rendere impossibile percorrere l’orbita bassa della Terra. I detriti che vi orbiterebbero, infatti, potrebbero avere direzioni imprevedibili e velocità potenzialmente letali.

I commenti alle notizie sono disponibili solo agli abbonati. Accedi alla campagna di crowdfunding in corso e scegli l'abbonamento che preferisci.

Stampa la pagina [dkpdf-button]

Articoli simili

I commenti alle notizie sono disponibili solo agli abbonati. Accedi alla campagna di crowdfunding in corso e scegli l'abbonamento che preferisci.

Abbonati / Sostieni

Accedi alla campagna di crowdfunding in corso

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI