sabato 24 Febbraio 2024 C0PM+0100

Guerra civile in Etiopia: il governo lancia l’ultimatum ai ribelli Tigrè

Il governo etiope ha lanciato l’ultimatum: le milizie del Fronte Popolare di Liberazione del Tigrè (TPLF) hanno 72 ore per arrendersi prima dell’assalto a Macallè, la capitale della regione. Il primo ministro del Paese, Abiy Ahmed, ha specificato che la resa incondizionata è l’unica possibilità che i ribelli hanno per “prevenire ulteriori uccisioni e la distruzioni della città”.

In Etiopia, dal 4 novembre, è in corso una guerra civile tra il governo federale e quello regionale del Tigrè. Entrambe le parti accusano l’altra di atrocità e di blocco degli aiuti umanitari. Le agenzie di Onu e Unicef hanno stimato la morte di centinaia di persone dall’inizio del conflitto e circa 34.000 rifugiati già fuggiti nel vicino Sudan. Gli scontri sono cominciati quando il primo ministro etiope Abiy Ahmed ha annunciato un’offensiva militare, in seguito al disconoscimento dell’autorità del governo centrale da parte del governo Tigrè. La decisione unilaterale dei ribelli di eleggere un’amministrazione regionale ha acuito le tensioni già presenti, legate all’esclusione dal governo federale del TPLF, partito dominante della regione.

 

 

 

I commenti alle notizie sono disponibili solo agli abbonati. Accedi alla campagna di crowdfunding in corso e scegli l'abbonamento che preferisci.

Stampa la pagina [dkpdf-button]

Articoli simili

I commenti alle notizie sono disponibili solo agli abbonati. Accedi alla campagna di crowdfunding in corso e scegli l'abbonamento che preferisci.

Abbonati / Sostieni

Accedi alla campagna di crowdfunding in corso

Ultimi

Correlati