domenica 26 Maggio 2024 C1PM+0200

Caso Regeni: per la prima volta l’Egitto promette piena collaborazione alle indagini

Da ieri, per la prima volta, dopo la telefonata tra il presidente Al-Sisi ed il premier Conte, “l’Egitto coopererà pienamente con le controparti italiane nelle indagini, cercando di giungere alla verità” sul caso di Giulio Regeni. Lo riferisce il portavoce della presidenza egiziana, l’ambasciatore Radi.

I pm di Roma che indagano dal 2016 sull’uccisione di Regeni (ricercatore italiano), ritrovato senza vita lungo l’autostrada nel deserto, tra la capitale egiziana ed Alessandria, notificheranno la chiusura dell’inchiesta entro il 4 dicembre, termine previsto dalla legge. I sospettati del sequestro e dell’omicidio del giovane italiano sono 5 agenti della National Security egiziana. L’Egitto non ha ancora comunicato il domicilio degli indagati, una protezione che adesso dovrà fare i conti con la chiusura delle indagini da parte dei pm romani. Per i 5 agenti verrà chiesto il processo con l’accusa di omicidio, che si celebrerà anche in caso di mancata collaborazione da parte del Cairo. L’ultima occasione per collaborare, per il presidente Al-Sisi che ha sempre proclamato la massima disponibilità, dimostrando, nei fatti, l’esatto opposto.

I commenti alle notizie sono disponibili solo agli abbonati. Accedi alla campagna di crowdfunding in corso e scegli l'abbonamento che preferisci.

Stampa la pagina [dkpdf-button]

Articoli simili

I commenti alle notizie sono disponibili solo agli abbonati. Accedi alla campagna di crowdfunding in corso e scegli l'abbonamento che preferisci.

Abbonati / Sostieni

Accedi alla campagna di crowdfunding in corso

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI