giovedì 22 Febbraio 2024 C0PM+0100

Ambiente, rapporto Onu: il mare Mediterraneo è al punto di non ritorno

Il 15% dei decessi attribuibile a fattori ambientali, 730 tonnellate di plastica riversate in mare ogni anno, gran parte della biodiversità a rischio e il clima della regione che si sta surriscaldando il 20% più velocemente rispetto alla media globale. È la fotografia dello stato del bacino del Mediterraneo nel “Rapporto sullo stato dell’ambiente e dello sviluppo nel Mediterraneo” prodotto dall’Unep, l’agenzia per l’ambiente delle Nazioni Unite.  Secondo il rapporto, se non si interverrà al più presto, l’intera regione del Mediterraneo subirà “danni irreversibili”. A preoccupare è soprattutto la possibile perdita della biodiversità caratteristica del mare Mediterraneo, dove i cambiamenti climatici hanno portato negli ultimi anni “mille specie esotiche che minacciano la sopravvivenza di quelle locali”.

I commenti alle notizie sono disponibili solo agli abbonati. Accedi alla campagna di crowdfunding in corso e scegli l'abbonamento che preferisci.

Stampa la pagina [dkpdf-button]

Articoli simili

I commenti alle notizie sono disponibili solo agli abbonati. Accedi alla campagna di crowdfunding in corso e scegli l'abbonamento che preferisci.

Abbonati / Sostieni

Accedi alla campagna di crowdfunding in corso

Ultimi

Correlati